Marmocchio.it
diabete infantile
Home » bambino » Il diabete mellito in aumento tra i bambini e gli adolescenti

Il diabete mellito in aumento tra i bambini e gli adolescenti

In Italia circa 20.000 tra bambini e adolescenti riscontrano il diabete mellito tipo 1 (diabete infantile) e l’età della diagnosi si abbassa sempre di più. Considerando l’ampia diffusione della malattia, quindi, occorre guidare i piccoli pazienti e i genitori all’interno di un percorso che li aiuti a conoscerla e a gestire il diabete nella quotidianità.

Cosa è il diabete

Il diabete è una malattia cronica caratterizzata da iperglicemia, ovvero un aumento dello zucchero (glucosio) nel sangue, a sua volta causata da una mancanza o scarsità di insulina nell’organismo umano.

Quando si parla di diabete infantile ci si riferisce alla forma più frequente, costituita dal diabete mellito di tipo 1. Nei soggetti colpiti vi è una carenza assoluta di insulina, ossia dell’ ormone prodotto da alcune cellule del pancreas che svolge un ruolo fondamentale nel mantenimento del normale il livello di glicemia.

Sintomi diabete e diagnosi precoce

La causa del diabete mellito di tipo 1 non è ancora nota. Esistono ipotesi su cause genetiche, a causa della tendenza all’ereditarietà, e ambientali.

Una diagnosi precoce e un trattamento insulinico tempestivo sono di notevole importanza. I sintomi principali di allarme che necessitano di una consultazione medica sono: la poliuria, aumento della quantità di urine; la polidipsia, sete eccessiva con aumento dell’assunzione di liquidi; la polifagia, fame eccessiva con aumento dell’assunzione di cibo; il dimagrimento; i dolori addominali non riconducibili ad altre patologie.

Nei casi più gravi può essere presente uno stato confusionale, l’alterazione di alcune funzioni mentali, fino al coma. I sintomi dipendono dallo stadio a cui è arrivata la malattia e dal tipo di diabete mellito di cui si soffre.

La terapia

La terapia farmacologica del diabete mellito di tipo 1 è l’insulina, che deve essere somministrata più volte al giorno (4 o più volte) mediante un’iniezione sottocutanea. Importante infatti è tenere sotto controllo i livelli di glicemia, che se troppo alti possono portare a danni irreversibili.

Attualmente i metodi più utilizzati sono gli iniettori a penna, molto pratici e semplici da utilizzare. Esiste anche un’altra modalità di somministrazione dell’insulina, mediante una pompa di infusione continua –microinfusore – che infonde nel tessuto sottocutaneo insulina 24 ore su 24.

Diabete infantile e normalità

Il bambino affetto da diabete infantile potrà continuare ad avere una vita normale. E’ importante comunque avere un’alimentazione adeguata e limitare l’assunzione di dolci. Benefici derivano anche dall’esercizio fisico. In ogni caso il bambino, con l’aiuto della famiglia, deve imparare a gestire la malattia il più possibile in  maniera autonoma.

Molte sono le campagne di sensibilizzazione sul tema rivolte proprio ai genitori da parte degli organismi nazionali, con l’obiettivo di far capire come i bambini con il diabete possano divertirsi, giocare e avere una vita attiva come gli altri bambini.

 

Continua a leggere su marmocchio: Lina, storia di una goccia di latteAsma da bambini, fattore di rischio per malattie cardiovascolari da adultiCitomegalovirus, tra i virus più temuti in gravidanza per la mamma e il suo bambinoMughetto, l’infezione che interessa la bocca dei neonati e il seno delle mammeSifilide, cause e pericoli in gravidanzaVaricella, tra le malattie più infettive che colpiscono il bambinoIttero, incubo di ogni bambino: ecco cosa c’è da sapere, Come raccontare ai bambini la malattia ? Un albo illustrato ci viene in aiuto

Continua a leggere su marmocchio

 

Aggiungi un commento

Iscriviti alla newsletter