Marmocchio.it
Home » famiglia » Genitori separati: come presentare il nuovo compagno al figlio

Genitori separati: come presentare il nuovo compagno al figlio

Affrontare la separazione quando ci sono figli mette in gioco sentimenti e relazioni molteplici e delicate. I genitori separati devono far fronte ad una nuova realtà in cui viene meno la coppia strettamente intesa ma non la coppia genitoriale. Se poi a complicare il quadro s’inserisce un nuovo partner allora come, quando e in che modo presentare il nuovo compagno al figlio diventa fonte di dubbi e ansie.

Il giusto modo per preparare i figli al nuovo partner

Nell’aiutare i figli ad accettare la separazione è importante che attraverso un dialogo sincero sia stata trasmessa la sicurezza dell’unità familiare futura anche se in una modalità nuova. Il confronto aperto e onesto evidenzia come l’amore sia essenziale per la realizzazione di ciascun individuo. Mamma e papà saranno di nuovo felici, magari appunto incontrando un nuovo amore.  L’educazione ai sentimenti aiuterà i figli a capire e comprendere le emozioni dei propri genitori e a gioire per loro nel vederli appagati e sereni. L’amore può mutare, evolversi, cambiare, e figli e genitori non ne devono avere paura. Di mamma e papà ce ne sarà sempre e solo uno, ma nuovi eventuali compagni dei genitori potranno rappresentare una moltiplicazione di sentimenti.

La coppia genitoriale

C’è chi si proietta al nuovo e si rimette presto in gioco e chi necessita di un periodo di solitudine per metabolizzare la separazione. Sono diversi gli approcci nell’affrontare la fine della propria storia coniugale e non ci sono regole. Capita però spesso che il genitore che resta più a lungo “single” sviluppi la paura di essere sostituito nel cuore del figlio dal nuovo partner del proprio ex. Un timore quanto mai infondato perchè i figli distinguono chiaramente i ruoli e che invece porta alla luce questioni irrisolte con l’oramai ex coniuge. I genitori separati devono guardare dentro le loro emozioni con onestà e saper lasciare andare quel che è stato, liberarsi di eventuali sentimenti di gelosia o possesso.

Non avere fretta di ufficializzare presentazioni

Il buon senso suggerisce di aspettare a parlare ai propri figli della propria nuova relazione sentimentale. Spesso il desiderio di presentare ed ufficializzare la nuova relazione è un bisogno dell’adulto e non certo dei figli. Si tenga presente sempre che i figli, a prescindere dal tempo trascorso, sono stati già  coinvolti emotivamente in una separazione. Se anche questa successiva relazione non avesse un proseguo duraturo, per i bambini rappresenterebbe motivo di ulteriore disagio, tristezza e insicurezza. E’ pertanto opportuno coinvolgere i propri figli solo quando la nuova relazione sta crescendo in un progetto di nuova e concreta famiglia.

Il nuovo partner

Anche il nuovo partner dovrà crearsi un suo spazio all’interno della famiglia ma con grande discrezione nel rispetto dei tempi dei figli non suoi. La riorganizzazione della famiglia non può prescindere da un approccio collaborativo e maturo degli adulti. Il genitore separato dovrà considerare anche la possibilità, per nulla remota, di dover intrattenere una sorta di relazione comunicativa con il nuovo compagno dell’ex. Un atteggiamento pacifico e sereno da parte dei genitori aiuterà il figlio a sentirsi libero di accettare e affezionarsi al nuovo partner. Gli adulti, come tali, devono nell’interesse dei figli e dell’armonia familiare promuovere tra di loro una relazione amichevole. I figli si sentiranno amati e protetti anche in una forma di famiglia mutata, purchè i valori e gli obiettivi siano condivisi da tutti gli attori chiamati in causa.

Aspetti positivi

I bambini hanno bisogno di essere confortati, hanno bisogno di essere ascoltati circa le emozioni e i sentimenti che i nuovi partner dei genitori suscitano. Può capitare che il bambino per non ferire la sensibilità di mamma o papà, reprima i suoi sentimenti verso questa nuova figura. Per evitare che ciò accada è utile cambiare prospettiva e mettere in luce gli aspetti positivi della nuova situazione. Valorizzare il fatto che ci saranno ben due famiglie, quindi più persone e maggiori relazioni sarà utile per affrontare tutti insieme il nuovo sistema familiare. Se non verrà meno il concetto di bigenitorialità verrà naturale far partecipare i figli alle vite separate dei genitori, inclusi quindi eventuali nuovi partner.

Unità nella genitorialità

Ricordando che ci si separa dal coniuge e non dal figlio, i genitori devono trovare il loro punto di forza proprio in questo assunto. Garantire stabilità emotiva al bambino è possibile se si comincia a considerare il proprio ex come un alleato nel promuovere il progetto educativo condiviso e sostenendo la famiglia allargata. Seguendo il cuore, senza timore di dimostrarsi fragili e non supereroi, la sincerità permetterà a tutti i membri della famiglia di vivere una nuovo armonico stare insieme.

Continua a leggere su marmocchio

 

Iscriviti alla newsletter