Marmocchio.it
Home » famiglia » Bambini al Bioparco: tante sorprese, a Pasqua, nello Zoo di Roma

Bambini al Bioparco: tante sorprese, a Pasqua, nello Zoo di Roma

In occasione delle vacanze pasquali il Bioparco di Roma, lo zoo della Capitale, propone un intenso programma di attività ludico-didattiche che culminerà il 31 marzo e il giorno di Pasqua con due giornate tematiche.

Pasqua allo zoo

Giovedì 29 e venerdì 30 marzo allo zoo di Roma saranno organizzati i pasti degli animali, a cura dei keeper che saranno a disposizione per rispondere alle domande dei visitatori. Dalle 14.45 alle 15.15 presso il Rettilario si svolgeranno speciali incontri ravvicinati con i rettili, per conoscerne caratteristiche e segreti, a cura dei guardiani. Inoltre alle 12 i Bambini potranno dare da mangiare all’elefante asiatico Sofia.

‘Sabato 31 marzo e il 1° aprile, nel giorno della Santa Pasqua, dalle ore 11.30 alle 17 si svolgeranno molteplici attività per scoprire la grande varietà di forme e colori delle uova degli animali. Non mancheranno attività di osservazione per andare alla scoperta di tante sorprese. Sarà possibile vedere che non solo gli uccelli fanno le uova, ma anche i serpenti (uova morbide), i rospi (gelatinose), fino a quelle puntiformi in molti pesci.

– Un safari in giardino: percorso esplorativo per conoscere gli abitanti che si nascondono tra i fili d’erba. Sarà possibile osservare da vicino molte specie per scoprire se e che uova fanno. Si potrà vedere come vivono le formiche, com’è fatta una mantide religiosa, cosa mangia la chiocciola e l’utilità di un lombrico.

– Uova da record: i Bambini si divertiranno ad associare domande e relative risposte sulle uova da record (le più grandi/piccole, quelle più colorate) e su chi le depone. L’uovo giusto al posto giusto: gioco a squadre con indovinelli e quiz a tema uova.
– Tutti nati da un uovo: un emozionante A TuxTu con insetti, anfibi, rettili e piccoli mammiferi per scoprire tutti i segreti delle uova e soprattutto…di chi le fa.




Al Bioparco i giochi d’un tempo

Al Bioparco di Roma, nei giorni di Pasqua, troverete anche i giochi di un tempo. Adulti e bambini potranno divertirsi cimentandosi nella corsa cucchiaio con l’uovo, nel gioco della campana con ovetti di cioccolato o nel salto alla corda. I bambini potranno inoltre costruire il proprio gioco-uovo di Pasqua partecipando ai laboratori creativo-manuali.
Immancabili inoltre l’attività ‘Dai da mangiare all’elefante Sofia’, alle 12, e i pasti degli animali.
Solo sabato 31 marzo i keeper del Rettilario coinvolgeranno le famiglie negli incontri ravvicinati con i rettili dalle 14.45 alle 15.15. A Pasquetta e martedì 3 aprile saranno organizzati i pasti degli animali, durante i quali i keeper saranno a disposizione per rispondere alle domande dei visitatori. Gli orari dei pasti: alle 11 per i macachi del Giappone, alle 11.30 i lemuri catta, alle 12.30 gli orsi. Si proseguirà alle 14 gli scimpanzé, alle 14.30 gli ippopotami anfibi, alle 15 i lupi e alle 16 le foche grigie’.

La storia del Giardino Zoologico di Roma

Il Giardino Zoologico di Roma ha una storia illustre. Nasce nel 1908 ad opera di un gruppo di finanziatori che fondano la ‘Società Anonima per il Giardino Zoologico’. Lo scopo quello di creare un luogo di attrazione e spettacolo, per mezzo della grandiosa collezione faunistica. All’epoca, la concezione di Zoo era ben diversa da quella attuale e nasceva con uno scopo puramente ludico piuttosto che educativo e scientifico. L’obiettivo primario era il divertimento del pubblico, per mezzo dell’esposizione di animali rari e particolari. Lo Zoo, ben 12 ettari costruito nella porzione Nord di Villa Borghese, fu inaugurato con gran successo, il 5 gennaio 1911 . Lo Zoo di Roma divenne in poco tempo uno dei più importanti d’Europa superando in bellezza anche quelli di Parigi e Berlino.

I Giardini Zoologici, e quello di Roma non è da meno, rivestono un ruolo fondamentale per garantire la conservazione di specie minacciate di estinzione. A tal fine, il Bioparco è membro dell’EAZA – Unione Europea Zoo e Acquari – e della WAZA – Unione Mondiale Zoo e Acquari – e collabora a livello internazionale con molte istituzioni impegnate nella conservazione delle specie a rischio di estinzione.

Zoo, lo stupore dei bambini

Senza voler in questa occasione disquisire se sia eticamente opportuno o meno chiudere degli animali in una gabbia, non si può negare l’entusiasmo e lo stupore di tanti bambini dinanzi agli animali che si trovano nel giardino zoologico. E allora il vostro bambino resterà sicuramente colpito da una visita al Bioparco capitolino.

Continua a leggere su marmocchio: Gita fuori porta ai Giardini di NinfaBambini al bioparco, lo zoo di Roma, Gita fuori porta a Roma Explora, La casa delle farfalle, una gita fuori porta straordinaria per i bambini, Gita fuori porta a Roma Explora, Stare con papà rende i figli più intelligenti

Continua a leggere su marmocchio

 

Iscriviti alla newsletter