Marmocchio.it
Home » neonato » Allattamento : al seno o biberon? Cosa prediligere tra latte naturale o artificiale

Allattamento : al seno o biberon? Cosa prediligere tra latte naturale o artificiale

Allattamento al seno o biberon: un dilemma per tante neo mamme, che per tanti motivi si chiedono quale sia la soluzione migliore. Il tutto nonostante l’allattamento al seno presenti numerosi benefici ed è il più congeniale per il neonato. Tralasciando il fatto che sia pure più economico, il latte materno possiede infatti tutte le sostanze nutritive di cui ha bisogno il neonato. Trascorsi i 6 mesi, ed iniziato lo svezzamento, costituisce comunque una parte fondamentale della dieta del bambino.

Allattamento al seno e latte materno da prediligere

L’allattamento al seno e il latte materno consentono di far arrivare al bambino anticorpi che proteggono da infezioni. Tra queste quelle respiratorie, quelle urinarie e delle orecchie, senza tralasciare la gastroenterite. Il latte materno può ridurre il rischio anche di leucemia e diabete infantile, e contiene acidi grassi polinsaturi a catena lunga, che sono indispensabili per lo sviluppo del cervello. L’allattamento al seno, tuttavia, è preferibile anche per la mamma, riducendo il rischio di tumori del seno e dell’ovaio. A tutto questo si aggiunga la sua immediatezza: è sempre disponibile, senza necessità di doverlo preparare. Preziosissimo il colostro, il primo latte ad alto contenuto proteico, che aiuta il neonato nei suoi primissimi giorni di vita. Solo dopo 3-4 giorni dal parto arriverà infatti la montata lattea. Se per quasi tutte le mamme  l’allattamento naturale è assolutamente da preferire,  ci sono anche coloro che lo considerano complicato o non naturale. In caso di scoramento o senso di inadeguatezza, va interpellato un consulente per l’allattamento.

Allattamento col biberon e il latte in polvere

Sebbene il latte naturale sia sempre e comunque da preferire c’è chi per scelta o costrizione deve rivolgersi al latte in polvere. Un latte, quest’ultimo, che è sempre più di prima qualità, stante studi sempre più accurati sulla sua composizione. Non va dimenticato che c’è anche chi opta per l’allattamento misto, combinando il latte naturale con l’artificiale. Il latte in polvere contiene latte vaccino, modificato per sembrare il più possibile simile a quello materno. Nonostante questo i ricercatori non sono ancora riusciti a riprodurre tutte le caratteristiche salienti del latte materno, che rimane quello ideale. I pediatri consigliano di preparare il latte in polvere di volta in volta. Non essendo sterile il latte in polvere per neonati può correre il rischio di contaminazione. Va quindi evitato di portarsi il latte preparato in anticipo, evitando così la proliferazione dei batteri. Per una ideale preparazione del biberon l’acqua andrebbe fatta bollire e poi lasciata raffreddare. Prima di far bere il bambino andrebbe sempre verificata la temperatura del latte, magari anche versando una sola goccia sul polso. Tra i punti di forza dell’allattamento artificiale il fatto che anche il papà, desiderandolo, può prendersi cura del bambino, rafforzando così il proprio legame.

 

Articoli simili: allattamentoallattemento a richio e tutela legge 151, allattamento al seno, il migliore nutrimento per il neonato, allattamento al seno e latte materno, un binomio perfetto per il neonato, autosvezzamento, come si rivoluziona l’approccio dei bambini ai primi pastimughetto, un’infezione che interessa il neonato e la mammamarmocchio, famiglia, bambino, neonato

Continua a leggere su marmocchio

 

Aggiungi un commento

Iscriviti alla newsletter