Marmocchio.it
Home » famiglia » Gardaland, whatsapp e 2500 biglietti in regalo

Gardaland, whatsapp e 2500 biglietti in regalo

Gardaland, whatsapp e la bufala dei 2500 biglietti in regalo

Il parco giochi Gardaland ha invitato tutti gli utenti a diffidare dal messaggio che in queste ore si sta diffondendo su whatsapp.

Gardaland offre 5 biglietti gratuiti a 500 famiglie per festeggiare il suo anniversario

WhatApp ha fatto esplodere il caso: Gardaland, dove il messaggio che promette biglietti gratuiti per l’ingresso al parco giochi è una bufala.

In poco tempo il messaggio dei biglietti gratuiti è rimbalzato nelle chat e nei gruppi del famoso instant messanging ma questo messaggio è un classico esempio di phishing.

Prezzemolo non regalerà i biglietti d’ingresso a Gardaland, come cita il messaggio, per festeggiare l’anniversario del parco giochi.

Un minimo di attenzione e sarebbe sufficiente una semplice ricerca su google per verificare che il messaggio ha delle notizie false e tendenziose a catturare i vostri dati personali, il parco giochi tematico ha 43 anni di attività e non 25 come cita il messaggio in questione ma, spesso, quando si legge “biglietti gratuiti” l’attenzione viene meno ed il click immediato sul un sito phishing è un’azione naturale.

Catena bufala da non alimentare

Invitiamo tutte le persone che hanno ricevuto il messaggio dei biglietti gratuiti di Gardaland su WhatsApp a non inoltrare / re inviare il messaggio phishing, cestinarlo ed invitare chi lo han inviato a fare altrettanto per non alimentare la catena bufala e con tendenze di phishing.
Google, Bing ci aiutano a scoprire in pochi click che il sito ufficiale di Gardaland è www.gardaland.it e non come si evince dal messaggio bufala gardaland.com

Un chiaro esempio di phishing che presenta un questionario da compilare, al fine di ricevere i biglietti gratuiti per il parco giochi Gardaland, con la promessa di ottenere fino a 5 ticket per ogni nucleo familiare gratuiti.

Più sotto un’area che simula in modo un po’ grossolano la conversazione tra alcuni utenti Facebook (che stranamente, nonostante i cognomi stranieri, scrivono in italiano). Insomma, una trappola che prende di mira i meno attenti.

Comunicato ufficiale del parco giochi Gardaland

Se ancora ci fossero dubbi, è la pagina ufficiale del parco a smascherare definitivamente l’inganno, con un intervento piuttosto chiaro pubblicato nelle ore scorse.

Non è la prima volta che ci troviamo a segnalare operazioni di questo tipo e temiamo non sarà nemmeno l’ultima. Come sempre, l’invito è di guardare quantomeno con sospetto a messaggi e iniziative di questo tipo e di far riferimento al sito o ai profili social ufficiali delle aziende prima di abboccare all’amo, magari fornendo i propri dati e l’accesso alle proprie informazioni personali.

Continua a leggere su marmocchio

 

Iscriviti alla newsletter