Marmocchio.it
Home » famiglia » Perchè alcuni papà trascorrono tempo con i loro figli e altri meno ?

Perchè alcuni papà trascorrono tempo con i loro figli e altri meno ?

Alcuni papà sono giocosi ed altri sono riservati. Alcuni sono iper protettivi e altri sono spensierati. Alcuni papà amorevoli e alcuni mantengono il loro affetto imbottigliato. Quindi cosa determina esattamente il coinvolgimento di un padre nelle vite dei suoi figli ?

I ricercatori della New York University sostengono che i papà sono coinvolti con i propri bambini a seconda del loro: reddito, livello di istruzione e le relazioni personali; tutti questi fattori esterni hanno un ruolo importante nel determinare il coinvolgimento del papà nel trascorrere tempo con i suoi figli e come provvederà alla sua famiglia.

“Abbiamo scoperto che una serie di caratteristiche diverse influenzavano il coinvolgimento del padre, dall’assistenza agli investimenti finanziari”, dice l’autrice principale dello studio, Tamarie Macon, in un comunicato stampa.
“Il tempo speso con i figli non dipende solo dal livello d’istruzione dei papà ma anche dalle loro convinzioni riguardo ai ruoli di genere nella famiglia”

Il gruppo di ricerca ha reclutato un gruppo eterogeneo di 478 padri a basso reddito e visitato ognuno dei papà mentre i loro bambini avevano due anni. I partecipanti sono stati intervistati in 33 diverse attività che fanno con i loro figli, come leggere libri, visitare amici e parenti e preparare i pasti. Hanno anche descritto la loro relazione con la mamma del bambino ed hanno riferito se vivevano a casa.

I padri sono stati intervistati sulle loro filosofie genitoriali personali, chiedendo loro un pensiero sulla posizione dell’“uomo di casa”, cosa significa secondo loro il capo famiglia, chi provvede alla famiglia e altre norme di genere tradizionali.

Cosa è stato evidenziato con questo studio sui papà ?

I ricercatori hanno scoperto che i papà più istruiti hanno trascorso del tempo con il loro figlio facendo più attività cognitive e meno attività sociali. I papà con redditi più alti erano più inclini a portare i loro figli ai servizi religiosi, mentre meno inclini a portare i loro figli in luoghi culturali come zoo, musei, ecc.
Tuttavia, nel complesso, c’era un legame tra maggiori redditi e minore coinvolgimento dei bambini.

“I padri con redditi più alti possono avere maggiore disponibilità nei fine settimana rispetto alla settimana lavorativa e concentrare il loro coinvolgimento nelle attività del fine settimana”, afferma Macon.
“Separare l’istruzione e il reddito come due aspetti delle risorse del padre, che sono spesso combinati in una singola misura di status socioeconomico, ha rivelato associazioni differenziali con l’investimento del padre in termini di tempo e finanze”.

Per quanto riguarda le altre aree in cui i partecipanti sono stati intervistati, gli autori hanno concluso che i padri che predicano i ruoli di genere non sono badanti attivi ed hanno un ruolo minimo nella crescita cognitiva dei loro figli.

Naturalmente, quelli che vivevano con i loro figli passavano più tempo con loro.

“Le opinioni dei padri sul loro ruolo sono legate a aspetti specifici del loro coinvolgimento al di là delle risorse, delle relazioni e delle caratteristiche demografiche”, conclude Macon. “I nostri risultati riaffermano l’importanza della progettazione di interventi parenting che considerino le credenze ei valori dei padri, non solo le loro conoscenze e abilità genitoriali”.

 

I risultati indicano la specificità delle correlazioni di coinvolgimento e la necessità di considerare le risorse, le relazioni e le credenze genitoriali negli interventi che supportano l’investimento fisico e finanziario dei padri nei confronti dei loro figli.

Continua a leggere su marmocchio

 

Iscriviti alla newsletter