Marmocchio .it
Home » gravidanza » Infertilità, non sottovalutate il fumo se non riuscite ad avere un bambino

Infertilità, non sottovalutate il fumo se non riuscite ad avere un bambino

Che il fumo faccia male in gravidanza è ormai cosa nota, ma forse in troppi sottovalutano il fatto che proprio le sigarette sono una delle cause dell’infertilità nelle donne. Molte future mamme, infatti, scelgono pur con enormi sacrifici di rinunciare alle sigarette una volta saputo di essere rimaste incinta. Ma il fumo ha effetti deleteri sull’organismo e può essere il responsabile di numerose problematiche e compromettere le possibilità di diventare genitori.

Il fumo può essere causa dell’infertilità

Alcuni studi hanno dimostrato che il fumo può determinare con un’incidenza del 13% casi di infertilità. L’infertilità, a differenza della sterilità, si riferisce a quando i partner non sono in grado dare vita ad un concepimento dopo almeno un anno di rapporti sessuali non protetti. In molti però sottovalutano le ripercussioni delle sigarette sul proprio organismo e difficilmente smettono di fumare mentre stanno cercando di avere un bambino. E questo accade anche se la gravidanza tarda ad arrivare. Nello specifico, quindi, non viene data opportuna rilevanza ai danni provocati dal fumo sulle potenzialità riproduttive sia dell’uomo che della donna.




Gli effetti del fumo sulla fertilità femminile

Il fumo delle sigarette danneggia l’intero organismo ed anche i tessuti dell’apparato riproduttivo delle donne. Le donne fumatrici possono andare incontro a problemi che si ripercuotono sul ciclo mestruale e quindi anche sul loro periodo fertile, compromettendo in questo modo la loro capacità di procreare. E’ ormai ampiamente dimostrato come i componenti tossici presenti nelle sigarette vadano a depositarsi nei tessuti dell’apparato riproduttivo, causando danni a livello dei follicoli ovarici.
Nello specifico, nelle donne fumatrici si riscontra una maggiore percentuale di insuccesso delle metodiche di fecondazione assistita e un numero complessivo di gravidanze più basso del 34%.
Tale discorso si applica sia alle donne fumatrici che alle donne esposte a fumo passivo. Alcuni studi hanno evidenziato come, per le donne che smettono di fumare, occorrono circa tre mesi per tornare a livelli di fertilità adeguati.

Gli effetti del fumo sulla fertilità maschile

Anche gli uomini risentono degli effetti negativi delle sigarette. Il fumo, infatti, anche per loro compromette l’appartato riproduttivo fino a generare l’infertilità della coppia. Gli uomini che fumano, infatti, presentano un peggioramento della qualità del liquido seminale. Gli spermatozoi, cioè, diminuiscono nel numero e ne viene aumentato il loro tasso di mortalità. Inoltre alcuni studi sembrano dimostrare una correlazione tra il fumo paterno e il danneggiamento del DNA del nascituro.

Articoli simili : Fumo, un pericolo per il tuo marmocchio, Scoperte delle mutazioni genetiche che causano la morte infantile, Neonato: un mondo da scoprire

Continua a leggere su marmocchio

 

Aggiungi un commento

Iscriviti alla newsletter